Il lavoro e internet

Leggo su uno dei tanti blog e siti che consulto per prendere spunto su notizie, che per cambiare lavoro devo aprire un blog. Bene sono sulla buona strada, ne ho aperti due più un tentativo di sito su cui sperimentare.In questo articolo viene scritto che nei

 prossimi anni vedremo cambiare molte cose a iniziare da come si ricerca il personale“.

Ma siamo tanto sicuri di questi cambiamenti?

Attualmente lavoro in un’azienda, ma è una cosa già vissuta ed ho avuto modo di sentire anche altre campane, ciò che io posso constatare è che la conoscenza dei datori di lavoro e sovente anche dei dipendenti per quanto concerne il settore informatico, è ridotta all’osso.
Sento e vedo (con mio enorme terrore) che non si è a conoscenza degli aggiornamenti di Windows Update, che non si sa cos’è un Firewall, che “tecnici” a cui è delegato il funzionamento del o dei computer, vantano installazioni di Spybot o Ad-Aware SE [versione privata e gratuita] asserendo: “Vi ho installato un programma di sicurezza e non vi faccio pagare niente.” Uauuuu, che competenza!!
Vedo persone aprire il browser di Windows Xp, cercare nei preferiti tramite la visualizzazione laterale a sinistra senza bloccare la suddetta finestra, consultare un sito, chiudere il browser riaprirlo e ripetere l’operazione per consultare un altro sito. Perdersi per non essere in grado di ampliare o ridurre le finestre su cui si sta lavorando, e via dicendo.
Le motivazioni per la poca conoscenza sono sempre le stesse: “Non ho tempo, non riesco a capire come funziona“.
In questa settimana passata sono stata contattata telefonicamente da due aziende, visto che ho pubblicato un annuncio di ricerca lavoro.
Sulla segreteria nessun messaggio, solo i numero di telefono! Cerco e rintraccio dai numeri le aziende e …. la prima cosa che faccio è di inviare il mio curriculum tramite e-mail.
Una delle due prova a ricontattarmi telefonicamente e prendiamo appuntamento, nel frattempo faccio presente l’invio tramite e-mail del mio curriculum. In risposta mi sento dire: “Io non ho tempo per leggere l’e-mail o per aprire internet“. Allora mi chiedo perché l’hai inserito nel tuo biglietto da visita? Perché hai un indirizzo e-mail se non lo usi????

Quindi la mia domanda è: quanto lontano è il domani per fare di un blog o di internet “uno strumento di valutazione importante perché non è asettico”?

 

 

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: