Oracle promuove l’Innovazione che nasce dall’esperienza e dalla collaborazione

L’Italia ha un ruolo di primo piano nella propulsione di idee, progetti e attività promossi e condivisi a livello EMEA, grazie all’Innovation Network. Il 75% delle innovazioni prodotte sul campo poi diventano veri e propri prodotti .

Sostenere e promuovere l’innovazione attraverso collaborazioni scientifiche con Università e Enti Pubblici e far tesoro delle esperienze di successo rendendole applicabili in altri progetti, attraverso un approccio unico ed efficace. E’ questa l’azione di Oracle sul fronte innovazione, che si esplica attraverso l’Innovation Network, un gruppo di lavoro sviluppato da Oracle nella regione EMEA con l’obiettivo di promuovere, acquisire e valorizzare le innovazioni che derivano da chi opera sul campo con clienti e partner perché si traducano in progetti all’avanguardia e di comprovata efficacia presso i clienti. L’impegno di Oracle su questo fronte è emerso in modo più chiaro ed evidente dalle parole di Sergio Rossi, Amministratore Delegato di Oracle Italia, nel corso del proprio intervento nell’ambito dell’IDC Innovation Forum 2008 in svolgimento a Milano.


Per Oracle Innovazione ha una doppia valenza: esiste l’innovazione di prodotto (Technology Driven Innovation) per la quale Oracle investe il 12% del proprio fatturato e la cui missione è dare vita e mettere a disposizione del mercato prodotti sempre più tecnologicamente all’avanguardia e un’innovazione che nasce sul mercato e dal mercato. E’ la cosiddetta Field Driven Innovation. Il successo dell’approccio è dato da un numero: il 75% delle innovazioni realizzate sulle soluzioni Oracle sono poi diventate a loro volta prodotti veri e propri.


“Da questo punto di vista, la buona notizia è che l’Italia all’interno di questo Network ha un ruolo di propulsore di idee e di attività, questo sia per quanto riguarda i dipendenti sia per quanto riguarda i partner”, afferma Sergio Rossi, “Non a caso quest’anno i due premi all’innovazione a livello EMEA che da alcuni anni assegniamo ai partner sono andati a due aziende italiane: GN Informatica e Software Design e un’altra italiana Insirio è salita sul podio; mentre ai professionisti Oracle che hanno sviluppato il progetto CoTraL è stato assegnato il premio per i dipendenti”, prosegue Rossi. “L’altra buona notizia è che le collaborazioni che abbiamo sul territorio con Università e enti pubblici stanno producendo idee e progetti realmente innovativi. Ultimo nato è Il Piano Strategico Metropoli Terra di Bari che ha dato vita a un portale di eDemocracy basato su tecnologie Web 2.0 e nato all’interno del Centro di Competenza Oracle istituito presso Tecnopolis tra Regione Puglia, Tecnopolis CSATA e la stessa Oracle”, conclude l’Amministratore Delegato di Oracle Italia.


Innovare significa anche investire in ricerca e sviluppo per creare progresso, migliorare la cooperazione e incrementare la competitività, soprattutto in settori che richiedono competenze professionali molto specifiche e che prevedono l’utilizzo di strumenti tecnologicamente molto avanzati. In questo ambito, Oracle è molto attiva anche sul fronte internazionale, dove da diverso tempo ha avviato una collaborazione con il CERN di Ginevra (recentemente sono stati festeggiati i 25 anni di collaborazione), fornendo e sviluppando la tecnologia necessaria all’ambiente Grid per supportare la realizzazione di un progetto molto ambizioso, ossia quello di creare l’acceleratore di particelle più grande del mondo per verificare la teoria sul Big Bang.


Esempi concreti di successo, saranno illustrati anche nel corso di IDC Innovation Forum 2008 che, come da tradizione, offrirà l’opportunità di apprendere dalla viva voce delle aziende utenti alcune esperienze significative e particolarmente interessanti. Tra essi, Joel Rodrigues, IT Manager di CoTraL, nel corso dell’intervento ‘Il monitoraggio del trasporto pubblico su gomma’ (previsto per giovedì 13 marzo – dalle ore 16.45 alle 17.30) illustrerà come l’azienda di trasporto pubblico regionale del Lazio, grazie al supporto offerto dalla tecnologia Oracle, abbia messo a punto una piattaforma tecnologica per sistemi informativi territoriali di ultima generazione, in grado di monitorare costantemente la flotta di autobus della compagnia, di gestirla in modo più efficiente e quindi di migliorare il livello di servizio erogato ai clienti.

Per ulteriori informazioni consultare il sito Oracle

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: